• MarioBini-slider
  • occupazione-5-ott-slide
  • erp-comunale-sfitto-cremona-slide
  • Ciao Mario! Chi ha compagni non morirà!
  • Occupata palazzina a Cremona in Via Platina, 52..
  • La mappa di tutti gli alloggi ERP di proprietà del Comune di Cremona

 

  

Vol 2014-12-06 LOVE 80s FEST

6 DICEMBRE 2014

LOVE 80's FEST Vol. II

Solidarietà ai compagni arrestati a Formigine (MO)

on . Postato in News

 

Venerdì 12 dicembre sono stati arrestati due compagni anarchici di Cremona a Formigine, in provincia di Modena, durante una manifestazione contro un presidio razzista e xenofobo di Forza Nuova.

La digos ha dato l'ordine di caricare il contropresidio degli antifascisti accorsi per contestare chi stava allestendo la solita pagliacciata demagogica contro profughi e migranti e, durante il contatto, sono stati fermati due compagni.

Attraversiamo una fase nazionale ed internazionale dove il nazionalismo e la reazione vengono usati per depotenziare le lotte degli oppressi e delle classi subalterne scatenando una infame guerra fra poveri e dove la borghesia, quando non bastano più gli strumenti legali a lei disponibili, utilizza lo squadrismo nero per cercare di fermare la ricomposizione e le rivendicazioni di classe.

Non ci stupiamo dunque che, anche in un paese provinciale quale Formigine, si carichino degli antifascisti per difendere e tutelare la presenza di quattro ratti di fogna!

Solo la mobilitazione continua e quotidiana nei nostri territori potrà costruire quell'accumulo di forze atto a spazzare via questo sistema marcio basato sullo sfruttamento dell'uomo sull'uomo e i suoi infami servi in camicia nera!

 

Alla lotta! Fino alla vittoria!

 

Esprimiamo solidarietà ai compagni anarchici arrestati e speriamo di rivederli presto liberi!

 

Aro e Vivi liberi! Liberi Subito!

 

Le compagne ed i compagni del CSA Dordoni

 

 

Ancora una volta, la lotta paga, basta sfratti!

on . Postato in AntiSfratto

Il 25 novembre scorso siamo intervenuti con un picchetto antisfratto in via Bignami, per difendere la casa di una famiglia con due bambine di cui una di pochi mesi. Senza l'intervento del Comitato Antisfratto, e quindi senza la solidarietà che esso organizza e crea tra le famiglie con i medesimi problemi, probabilmente lo sfratto sarebbe stato eseguito nell'indifferenza generale e quella famiglia ora sarebbe per strada: questa è la realtà brutale, che ci piaccia o meno.
In seguito al picchetto ci è stato proposto un tavolo in prefettura per vedere se fosse stato possibile trovare una soluzione a questa grave situazione; l'incontro con le parti in causa si è tenuto ieri 3 dicembre e l'importante risultato ottenuto è stato - oltre al rinvio dello sfratto al 30 dicembre - l'impegno ad assegnare a questa famiglia un alloggio popolare in deroga, garantendo così il passaggio da casa a casa ed il mantenimento del nucleo famigliare intatto.

 

Aggressione fascista! Risponderemo colpo su colpo!

on . Postato in News

Questa sera, sabato 29 novembre, quattro compagni del CSA Dordoni di Cremona sono stati aggrediti da una quindicina di fascisti di CasaPound nelle strade vicine al centro.
I “coraggiosissimi” camerati, che di solito stanno bene attenti a mettere anche solo un piede fuori dalla loro topaia, hanno sfruttato la presenza di numerosi fascisti - arrivati in città per una raccolta fondi per le spese legali degli infami aggressori dei tifosi dell'Ardita San Paolo - per attaccare chi in città porta avanti e costruisce, con umiltà e determinazione, lotte quotidiane e rivendicazione di diritti.

Sciopero e picchetto alla Nuova Logistica 5 di Castelnuovo Bocca D'Adda

on . Postato in News

Alla Logistica 5, ora Nuova Logistica 5 di Castelnuovo Bocca d'Adda, il cambio di cooperativa avvenuto circa quattro mesi fa ha comportato, oltre al peggioramento della situazione contrattuale di molti lavoratori (da tempo indeterminato a determinato), anche il licenziamento di quattro di loro; inoltre molti lavoratori lamentano diverse mensilità arretrate non pagate dall'azienda. Dopo vari mesi di duro presidio fuori dalla ditta si è deciso per il blocco dei cancelli: i lavoratori organizzati con il sindacato SI Cobas si sono quindi dati appuntamento davanti ai cancelli alle 7:30 dello scorso 12 novembre, per picchettare e bloccare così l'ingresso e l'uscita delle merci, sostenuti anche dalla nostra partecipazione. Il picchetto è stato "scortato", poco dopo il suo inizio e per tutta la sua durata, da un paio di macchine dei carabinieri, la cui presenza non è stata un deterrente all'agire ed alle scelte dei lavoratori, che hanno infatti mantenuto il blocco nonostante le pressioni esercitate dalle ffoo. Nella seconda metà della mattinata, dopo l'ennesimo mezzo bloccato all'ingresso, i lavoratori hanno ricevuto da un rappresentante della ditta una proposta che hanno ritenuto accettabile e hanno quindi deciso di interrompere il picchetto, proprio pochi minuti prima dell'arrivo di una camionetta di polizia che si è rivelata quindi inutile. I lavoratori hanno garantito che torneranno a bloccare i cancelli nel caso l'accordo non venga rispettato, e noi naturalmente saremo ancora al loro fianco. La tregua sarà mantenuta fino a martedì prossimo.

Sul treno come bestie? #IONONCISTO

on . Postato in News

Diffondiamo una nota scritta sulla propria pagina facebook dal Collettivo Autonomo Studentesco di Cremona sulla mobilitazione inziata lunedì 03 novembre 2014 per ottenere un trasporto dignitoso per studenti e pendolari

 

 

Ritardi, sovraffollamento e più in generale condizioni di viaggio disumane sono il comun denominatore di molte tratte ferroviarie che coprono l'intera penisola.

 

Studenti e lavoratori pendolari sono i principali soggetti colpiti da questi problemi, data la necessità di usufruire del trasporto ferroviario quotidianamente.

 

La situazione è generalizzata,nonostante siano alcune tratte specifiche ad essere maggiormente coinvolte; a Cremona, dall'inizio dell'anno scolastico, il treno per Mantova delle ore 14:15, della disastrata tratta che collega le due città ha visto una diminuzione di quella che è la capienza totale dei vagoni messi a disposizione, ridotti a due, circa la metà di quelli necessari per garantire una condizione di viaggio dignitosa ai passeggeri.
Conseguenza diretta è stata il verificarsi di fenomeni quali resse per accaparrarsi un posto a sedere o nel peggiore dei casi per non essere impossibilitati a salire.

Dove siamo

Cremona, CR, 26100

Via Mantova 7/A 
(Portoni rossi)
Ex-Foro Boario 
(Zona stadio)

Seguici su